RINVIO, A DATA DA DESTINARSI, SCIOPERO TRASPORTO AEREO DEL 2 APRILE 2020

La delicata quanto drammatica situazione sanitaria che vive oggi il nostro Paese sta mettendo tutti a dura prova e richiede, per il bene dell’intera nazione, atti di profonda responsabilità. Di ora in ora il numero di contagiati dal Covid-19 continua, sembra in maniera inesorabile, a salire e con esso aumenta anche, purtroppo, il numero delle persone che perdono la vita. La crisi da Covid- 19, che purtroppo va ad aggiungersi a quelle già esistenti, sta generando importanti ripercussioni economiche su tutte le attività produttive del Paese e vede schierati in prima linea, oltre agli operatori sanitari e alle forze dell’ordine, tutti i lavoratori dei trasporti – trasporto aereo compreso - che, svolgendo un servizio pubblico essenziale per il Paese, devono garantire la mobilità indispensabile delle persone e gli approvvigionamenti di farmaci, alimentari e carburanti. Nonostante la paura di contrarre il virus, infatti, le lavoratrici e i lavoratori dei trasporti continuano a prestare la propria attività lavorativa e, i molti casi si trovano a fare i conti con l’incertezza della retribuzione e del mantenimento del posto di lavoro.

TUTTO CIÒ PREMESSO
consapevoli che il trasporto aereo è oggi più che mai essenziale per il nostro Paese;

ASSUNTO CHE
persistono comunque all’interno del settore del trasporto aereo le criticità che hanno spinto le scriventi a proclamare più azioni di sciopero, da ultimo quello del 2 aprile 2020 e che richiedono urgenti soluzioni;

PRESO ATTO
del susseguirsi dei decreti adottati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che gradatamente hanno giustamente imposto misure sempre più stringenti e senza dubbio funzionali al contenimento dell’epidemia, oggi definita pandemia – in modo particolare il DPCM del 9 marzo 2020 recante nuove misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull'intero territorio nazionale, ma anche il D.L. del n. 18/2020 “misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19” promulgato dal Presidente della Repubblica in data 17/03/2020;

FACENDO APPELLO
al senso di responsabilità, tanto invocato dallo stesso Presidente del Consiglio dei Ministri, e che, come è noto, caratterizza l’operato delle scriventi organizzazioni sindacali,

AL FINE DI
continuare a garantire lo svolgimento del servizio pubblico essenziale svolto dal settore del trasporto aereo anche con una pandemia in corso

RISCONTRATA
la delibera di indicazione immediata Indicazione immediata ai sensi dell'articolo 13, comma 1, lett. d), della legge 12 giugno 1990, n. 146, come modificata dalla legge 11 aprile 2000, n. 83 edita dalla Commissione di Garanzia dello sciopero di cui al POS 469/20 Protocollo 0003985 del 24/03/2020 relativamente al mancato rispetto della regola prevista dall'art. 11 della Regolamentazione provvisoria vigente nel settore del trasporto aereo (delibera n. 14/387 del 13 ottobre 2014, pubblicata in G.U. n. 250 dcl 27 ottobre 2014), secondo la quale "Gli scioperi di qualsiasi genere dichiarati o in corso di svolgimento vanno immediatamente sospesi in caso di avvenimenti eccezionali di particolare gravità odi calamità naturali;

TUTTO CIÒ PREMESSO
le scriventi Organizzazioni Sindacali,

COMUNICANO:
il differimento a data da destinarsi dello sciopero generale del Trasporto Aereo già proclamato per il giorno 02/04/2020


SEGRETERIE NAZIONALI TRASPORTO AEREO
FILT CGIL - FIT CISL - UILTRASPORTI - UGL TRASPORTO AEREO

Categoria: