venerdì 20 aprile 2018

STOP INCIDENTI SUL LAVORO: FILT CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI CHIEDONO INCONTRO CON MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

Roma, 18 aprile 2018 - Richiesta di incontro

Egr. Signor Ministro,

come noto negli ultimi mesi si sono verificati numerosi ed inaccettabili gravi incidenti sul lavoro in molti casi con conseguenze drammatiche, nell’ambito delle attività della portualità, logistica, dell’autotrasporto, delle attività ferroviarie e della viabilità.

In particolare:

1 febbraio: incidente mortale a Parabiago (MI) in cui ha perso la vita un autista dipendente di Eco Eridania; 14 febbraio: incidente mortale a Napoli in cui ha perso la vita un autista di mezzo pesante; 23 marzo: incidente sul lavoro in cui è stato ferito un rider a Bologna; 26 marzo: incidente al porto di Genova in cui ha perso la vita un autista di camion; 28 marzo: incidente mortale al porto di Livorno in cui sono deceduti due lavoratori addetti allo stoccaggio delle merci pericolose; 29 marzo: incidente mortale sul lavoro sulla linea ferroviaria Bologna – Venezia, che ha colpito un lavoratore della ditta Sifel che effettua in appalto la manutenzione della linea aerea; 16 aprile: incidente mortale al porto di San Giorgio di Nogaro in cui ha perso la vita un lavoratore marittimo; a questi tragici eventi si aggiungono almeno altri quattro infortuni mortali che hanno riguardato lavoratori in appalto nel settore della viabilità.

Questo impressionante susseguirsi di eventi drammatici richiama la necessità di effettuare un’analisi accurata per verificare se siano avvenuti eventuali cali di attenzione e per realizzare ogni utile intervento al fine di ripristinare modalità sicure nello svolgimento dell’attività lavorativa ed ogni utile misura di prevenzione.

Per questi motivi le scriventi Segreterie Nazionali FILT CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, in rappresentanza delle lavoratrici e dei lavoratori del settore portuale, logistica, dell’autotrasporto, ferroviario e della viabilità sono a richiederLe un incontro con la massima urgenza. Certi della Sua sensibilità, In attesa di un urgente e sollecito riscontro, si porgono distinti saluti.

I Segretari Generali - FILT CGIL, FIT CISL e UILTRASPORTI




mercoledì 18 aprile 2018

ROMA METROPOLITANE, CGIL-CISL-UIL: ALTA ADESIONE A SCIOPERO, PROSEGUE MOBILITAZIONE

Roma, 18 aprile 2018 - "Cento lavoratori di Roma Metropolitane hanno manifestato questa mattina sotto al Campidoglio in una giornata di sciopero indetta da Filt Cgil, Fit Cisl Rieti e Uiltrasporti che ha visto l'adesione della grande maggioranza dei dipendenti". Così, in una nota, le rsa Filt Cgil Daniela Orlando e Luigi Venturini". I lavoratori, che non hanno certezza del prossimo stipendio, - continuano - chiedono a tutti i soggetti coinvolti nella crisi di Roma Metropolitane - il vertice aziendale, l’amministrazione capitolina, gli uffici comunali - atti chiari ed esaustivi che possano garantire il futuro professionale dei dipendenti e lo svolgimento sereno del proprio lavoro, che versa in una situazione di drammatica incertezza ormai da alcuni anni.

A serio rischio sono non solo 160 posti di lavoro, ma anche la prosecuzione delle opere in corso tra cui la Linea C e i futuri progetti, compresi quelli inseriti nel Piano Urbano della Mobilità Sostenibile e gli ammodernamenti delle linee A e B della metropolitana.

Le rappresentanze sindacali sono state ricevute da Giampaoletti che ha garantito la partecipazione del socio unico, ovvero Roma Capitale, all'assemblea dei soci di Roma Metropolitane che si terrà presso la sede aziendale di Via Tuscolana nel pomeriggio di venerdì 20: riunione a seguito della quale, come annunciato dal management aziendale, i libri sociali potrebbero essere portati al tribunale fallimentare qualora il socio non porti concreti provvedimenti volti al superamento della crisi finanziaria della società.

Prosegue quindi la mobilitazione dei lavoratori in lotta, che terranno un presidio venerdì 20 in concomitanza con l'assemblea dei soci".

Fonte OMNIROMA




martedì 17 aprile 2018

TGR LAZIO, CONCORDATO ATAC



Intervista al Segretario Regionale FILT CGIL Roma e Lazio Daniele Fuligni.






PROTOCOLLO D'INTESA: QUALITÀ DEL LAVORO NELL'EDILIZIA, NELLA LOGISTICA E NEI TRASPORTI

In data 13 aprile 2018, presso il Gabinetto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, si sono incontrati i rappresentanti del Mit e delle organizzazioni sindacali FILLEA CGIL, FILCA CISL, FENEAL UIL, FILT CGIL, FIT CISL e UILTRASPORTI per sottoscrivere il protocollo d'intesa con le Linee guida per la "Qualità del Lavoro, settori dell'edilizia, della logistica e dei trasporti".

Tale Protocollo è il risultato di un percorso di relazioni industriali condiviso negli anni con le parti sociali finalizzato al raggiungimento di standards qualitativi in materia di lavoro nell'ambito del mercato degli appalti pubblici nei settori citati. Tale confronto ha prodotto l'individuazione di priorità di intervento sugli aspetti di salute e sicurezza, regolarità e legalità, qualificazione degli appalti e completamento dei percorsi di qualificazione delle stazioni appaltanti. Lo scopo di tale documento è quello di individuare i principi, le soluzioni e gli strumenti idonei a favorire la qualità del lavoro nei settori dei trasporti, logistica e edile.

lunedì 16 aprile 2018

ROMA METROPOLITANE, SCIOPERO DEL 18 APRILE 2018



La Filt-Cgil, la Fit-Cisl Reti e la Uil Trasporti, su mandato dell’assemblea dei lavoratori di Roma Metropolitane, hanno indetto uno sciopero per il giorno 18 aprile dalle ore 09.30 per l’intera giornata, con manifestazione in piazza del Campidoglio (dalle ore 9.30 alle 13.30), per denunciare il perdurare delle condizioni gravi in cui versa Roma Metropolitane a causa della mancanza di atti chiari ed esaustivi, volti al superamento delle problematiche della Società, da parte di tutti gli attori in campo: il vertice aziendale, l’amministrazione capitolina, la farraginosa macchina burocratica degli uffici comunali.

I lavoratori, che vivono una situazione di drammatica incertezza, hanno appreso dall’Amministratore Unico nel corso dell’ultimo incontro con le RSA:
  • di avere ricevuto a marzo l’ultimo stipendio e che non sono disponibili risorse per quello di aprile;
  • che non c’è alternativa alla messa in liquidazione o fallimento della Società, qualora il Socio Unico Roma Capitale non presenti gli atti necessari ad evitarlo nell’assemblea dei soci prevista per il 20 aprile p.v.; che sono, quindi, a serio rischio non solo 160 posti di lavoro, ma anche la prosecuzione delle opere in corso tra cui la Linea C ed i futuri progetti, compresi quelli inseriti nel PUMS e gli ammodernamenti delle linee A e B della metropolitana.
I lavoratori denunciano, quindi, la necessità di atti concreti volti a difendere il loro operato e le loro professionalità, essendosi sempre impegnati - nonostante i ripetuti attacchi - a fornire un contributo fattivo per i progetti tesi a migliorare la mobilità cittadina. Ribadendo con forza il diritto ad avere garanzie concrete riguardo al futuro lavorativo,

i lavoratori di Roma Metropolitane chiedono
  • che vengano prodotti dal socio unico Roma Capitale gli atti necessari a garantire il futuro professionale dei dipendenti e lo svolgimento sereno dei compiti di lavoro;
  • che non sia disperso il patrimonio pubblico di competenze qualificate rappresentato dai lavoratori di Roma Metropolitane, risorsa a disposizione della città per l’auspicato rilancio dello sviluppo delle reti di trasporto pubblico collettivo.
Qualora la difficile situazione dovesse protrarsi oltre, saremo costretti a mettere in atto ulteriori azioni di protesta, nonché a porre in essere ogni possibile atto a difesa e tutela delle lavoratrici e dei lavoratori, anche chiamando in causa ognuno alle proprie responsabilità.

Per info: Daniela Orlando (3333409315), Luigi Venturini (3381090709) Irene Simoncelli (3392022858), Paola Propana (3478535716), Roberto Longobardo (3355872675)


venerdì 13 aprile 2018

ALITALIA: FILT, PRIMA DI PARLARE DI ESUBERI VALUTARE PIANI

Roma, 13 aprile 2018 - "Riteniamo alquanto intempestivo parlare di certezza di esuberi quando non si ha ancora alcuna visione rispetto ai piani industriali presentati dai possibili acquirenti". Lo afferma il coordinatore nazionale del trasporto aereo della Filt Cgil Fabrizio Cuscito in merito alla situazione di Alitalia, sottolineando che "occorre prima valutare tutti i possibili scenari, anche alla luce dei risultati dell'amministrazione straordinaria ed elaborare un piano che permetta all'Alitalia che verrà di stare in maniera stabile e profittevole sul mercato". Secondo Cuscito "il problema di Alitalia non è il costo del lavoro e nel rispetto di tutti i lavoratori coinvolti e delle loro famiglie, non ha senso ogni eventuale considerazione in termini di riduzione del perimetro occupazionale e dei livelli retributivi senza avere visibilità sulla mission della compagnia. È necessario inoltre - conclude - che lo Stato questa volta intervenga come attore e non sia solo spettatore".

Fonte ANSA

martedì 3 aprile 2018

RYANAIR: IL GIUDICE DÀ RAGIONE AL SINDACATO - GUARDIANI DI DIRITTI - IOL CONTA SOLO IL PROFITTO

“Un’altra importante vittoria della nostra organizzazione nella battaglia per il riconoscimento dei diritti dei lavoratori di Ryanair”. Così la Filt-Cgil sul pronunciamento del Tribunale di Bergamo contro la compagnia irlandese, spiegando che “il giudice del lavoro ha dichiarato il carattere discriminatorio del comportamento tenuto da Ryanair in relazione alla cosiddetta ‘clausola di estinzione’ che prevedeva la cessazione del rapporto di lavoro degli assistenti di volo nel caso in cui il lavoratore effettuasse interruzioni di lavoro (work stoppages) o intraprendesse qualunque altra azione di natura sindacale, impedendo di fatto ai dipendenti di stabilire contatti con il sindacato”.
“Il giudice – informa infine il sindacato dei trasporti della Cgil – ha condannato Ryanair a risarcire la Filt Cgil per una cifra pari a 50 mila euro”.

Ascolta o scarica qui il podcast