martedì 22 ottobre 2019

ROMA METROPOLITANE : LOTTIAMO PER GARANTIRE OCCUPAZIONE E REDDITO AI LAVORATORI

Nella serata di ieri la maggioranza cinque stelle ha approvato la delibera della liquidazione di Roma Metropolitane. Un’altra grave sconfitta per la città, per i cittadini per i lavoratori e le lavoratrici che in questa settimana si sono battuti con dignità contro questa scellerata delibera che li priva senza una ragione valida e di buon senso della loro azienda.

La nostra lotta per garantire occupazione e reddito ai lavoratori di Roma Metropolitane chiaramente non si ferma qui e già siamo mobilitati per lo sciopero del 25 ottobre perché #RomaNonSiLiquida. 

Rimane l’amarezza per l’atteggiamento irrisorio da parte degli assessori al Bilancio e la mobilità e la totale assenza di empatia da parte dei consiglieri dei cinque stelle. Il nostro grazie ai consiglieri dell’opposizione che hanno cercato in tutti i modi di impedire questo scempio, questa ulteriore ferita per una città ormai al totale dissesto per l’incapacità dimostrata da chi la governa da tre anni. La responsabilità più grande è in capo alla Sindaca che in questi giorni di dibattito acceso non si è presentata mai in aula. Questo totale assenzo di rispetto per i lavoratori e i cittadini è la cifra di questa amministrazione.

Così in una nota Eugenio Stanziale, segretario generale della Filt a Cgil, Marino Masucci segretario generale della Fit trasporti e Giancarlo Serafini commissario straordinario della uil trasporti di Roma e del Lazio.

venerdì 18 ottobre 2019

ROMA METROPOLITANE. DELRIO: LIQUIDAZIONE ATTO GRAVE, RAGGI CI RIPENSI

”Solidarietà a dipendenti nella loro lotta a difesa occupazione”

Roma, 18 ottobre 2019 - "La liquidazione di Roma Metropolitane è un atto grave che colpisce i dipendenti della società a cui va la nostra solidarietà nella loro lotta a difesa dell'occupazione". Così il presidente dei deputati del Pd, Graziano Delrio, interpellato dall'agenzia Dire.

"Perdere una societa' di progettazione così qualificata rappresenta un impoverimento della Pubblica Amministrazione e mette a rischio l'utilizzo dei finanziamenti gia' erogati- ha aggiunto Delrio- Auspico che ci sia un ripensamento della giunta Raggi e che si possa trovare una soluzione che salvaguardi l'occupazione".

Fonte Dire

giovedì 17 ottobre 2019

PARTECIPATE: SINDACATI, IL 25 OTTOBRE IN PIAZZA CAMPIDOGLIO

Roma, 17 ottobre 2019 - "I servizi del comune di Roma sono un bene per la città e i cittadini. A conferma di ciò si sta allargando il consenso per lo sciopero delle Partecipate del 25 ottobre. Uno sciopero che si è reso necessario per salvaguardare i posti di lavoro e per garantire la qualità dei servizi pubblici e sociali". Così, in una nota, la Cgil di Roma e del Lazio, la Cisl di Roma Capitale e Rieti e la Uil di Roma e del Lazio.

"Le prime, significative, adesioni - continua la nota - sono arrivate dal Forum del Terzo Settore, Nonna Roma, Pd Roma, Federconsumatori Roma, Articolo 1 Roma, Arci Roma, Sinistra Italiana Roma, Fiadel Roma, dall'ex presidente di Ama Luisa Melara, Sicet Roma, Sunia Roma, Arci, Spi Cgil, Fnp Cisl, Uilpensionati di Roma, Adiconsum, Rete CinEst. Invitiamo tutti i cittadini a partecipare, perché Roma non si liquida. L'appuntamento è quindi per il 25 ottobre alle ore 10:00, in piazza del Campidoglio"

Fonte Agenzia Nova





SINDACATI: DOMANI IN CAMPIDOGLIO CONTRO LIQUIDAZIONE ROMA METROPOLITANE

Roma, 17 ottobre 2019 - "Anche domani saremo in Campidoglio per manifestare il nostro radicale dissenso contro la liquidazione di Roma Metropolitane. Questa vicenda dai contorni surreali si sta consumando tra l'indifferenza degli eletti cinque stelle al Comune di Roma e l'atteggiamento provocatorio dell'assessore Lemmetti al Bilancio.

Oggi alla commissione trasporti presso la regione Lazio alla proposta, riportata dal presidente a nome della stessa Commissione, di posticipare, anche solo di una settimana, la seduta del Consiglio Comunale che porta in aula la liquidazione di Roma metropolitane, per consentire di valutare la possibilità di co-partecipazione della Regione Lazio alla società, Lemmetti afferma che 'l'Amministrazione ha gia' deciso di non ricapitalizzare il 4 novembre 2016; si valuteranno solo dopo aver 'messo in sicurezza' la società un intervento se mai sulla partecipazione della Regione alle opere infrastrutturali'. Un NO ideologico, incomprensibile che mostra una chiusura totale sulla possibilità di valutare situazioni alternative ala liquidazione di una azienda, che e' stato dimostrato ieri nella discussione congiunta delle commissioni Bilancio e Mobilita' del comune di Roma, e' stata volutamente messa nelle condizioni di non operare dalla attuale giunta. Roma metropolitane e' una azienda sana, dove operano professionisti di qualità e con competenze alte difficili da trovare nel mercato. Questa operazione, oltre a comportare costi aggiuntivi per le già difficili condizioni di cassa di Roma Capitale, consegnerà la città ad un declino irreversibile. Roma non si liquida, perché ormai appare chiaro ed evidente il disegno dell'assessore Lemmetti, e non bastano le lettere assolutorie di una Sindaca incapace di dare dignità e sviluppo a questa nostra città. Per difendere Roma dalle decisioni dannose di questa giunta contro i lavoratori e i cittadini il 25 ottobre saremo in sciopero per Roma e manifesteremo a Piazza del Campidoglio per il rilancio della città. #RomaNonSiLiquida".

 Così in un comunicato CGIL Roma e Lazio - CISL Roma Capitale Rieti - UIL Roma e Lazio - FIT CGIL Roma e Lazio - FIT CISL Roma e Lazio - UIL Trasporti Lazio.

giovedì 10 ottobre 2019

ASSEMBLEA DELEGATI AUTOSTRADE, CONFERMATO SCIOPERO IL 13 E 14 OTTOBRE

“Conferma dello sciopero nazionale di domenica 13 e lunedì 14 ottobre, avvio di iniziative nei confronti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, compresa una manifestazione nazionale a Roma, affinché nei bandi di gara per le nuove concessioni autostradali sia inserita clausola di salvaguardia sociale e contrattuale ed infine pieno mandato a proseguire nella mobilitazione nel caso che, dopo lo sciopero, non si arrivi al rinnovo del contratto nazionale”.

È quanto deliberato da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti Nazionale, Faisa Cisal e Ugl Viabilità e Logistica, nel corso della riunione nazionale dei delegati e delle delegate delle autostrade che si è tenuta oggi a Torino, in vista dello sciopero indetto, “per la fase di stallo nel rinnovo del contratto, determinata fondamentalmente dal Gruppo Gavio, rappresentato dall’associazione Fise Acap”.

“Da tutti gli interventi - riferiscono le organizzazioni sindacali - è emersa, alla luce del mutato scenario nel settore con concessioni scadute o in scadenza, la necessità inderogabile di definire, nell’ambito del Ccnl, una clausola sociale che tuteli i lavoratori rispetto alla continuità occupazionale e una clausola contrattuale che sancisca l’applicazione dello stesso contratto e conseguentemente il mantenimento dei trattamenti economici e normativi. Su questo non può sottrarsi il Mit che, nella fase di predisposizione dei bandi di gara - spiegano infine Filt Cgil, Fit Cisl, Ultrasporti, Faisa Cisal e Ugl Viabilità e Logistica - deve prendersi i propri impegni sulla salvaguardia del personale”.


mercoledì 9 ottobre 2019

SINDACATI: FILT CGIL, VENERDÌ E SABATO FESTA DEL TESSERAMENTO

Roma, 09 ottobre 2019 - "L'11 e il 12 ottobre, dalle ore 17:30, presso 'La Villetta' (via Francesco Passino 26) si svolgerà la nostra Festa del Tesseramento. Due giorni di incontri per unire in un unico contesto lavoratori, rappresentati delle istituzioni e delle maggiori aziende della categoria, associazioni datoriali ed esperti del settore, ragionando insieme sul tema della mobilità delle merci e delle persone a Roma e nel Lazio Filt Cgil di Roma e del Lazio".

Così, in una nota, la Filt Cgil di Roma e del Lazio. "La mobilità cittadina e ragionale - continua la nota - ha un ruolo estremamente delicato e strategico per la definizione di future dinamiche di sviluppo. La Regione Lazio e il Comune di Roma possono aspirare a divenire un modello virtuoso e di riferimento per una mobilità integrata e sostenibile di merci e persone attraverso un progetto di interazione sinergica tra i diversi vettori operanti nel territorio e dei sistemi aeroportuali, portuali, di logistica e del trasporto su ferro e gomma". "Oltre a momenti di aggregazione ricreativa - prosegue la nota - sono previste due iniziative tematiche sulla mobilità sostenibile e integrata di merci e persone cui parteciperanno Eugenio Patané, presidente della commissione Lavori pubblici, infrastrutture, mobilità, trasporti della Regione Lazio e Mauro Alessandri, assessore regionale alla Mobilità"

Fonte Agenzia Nova




AUTOSTRADE: SINDACATI, NUOVO SCIOPERO 13 E 14 OTTOBRE

A proclamare la protesta sono unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti Nazionale, SlaCisal e Ugl Viabilità e Logistica a seguito dell’ennesima grave rottura della trattativa per il rinnovo del contratto nazionale, scaduto ormai da 10 mesi e della necessità di proseguire la mobilitazione del personale, dopo i primi due scioperi degli scorsi 4 e 5 agosto e 25 e 26 agosto.

“Lo sciopero nazionale - informano le organizzazioni sindacali - sarà preceduto da una riunione nazionale dei delegati, provenienti da tutta Italia che si terrà a Torino, giovedì 10 ottobre, dalle 10.30 presso il Dopolavoro ferroviario (via Sacchi, 33) in quanto le maggiori indisponibilità a chiudere positivamente il negoziato sono poste, ormai da mesi, dal Gruppo Gavio, rappresentato da Fise Acap (Associazione concessionarie autostrade private). Al centro della discussione la clausola sociale a tutela dell’occupazione, viste le concessioni autostradali già scadute o in scadenza che riguardano circa 4 mila addetti, in larga parte dipendenti delle società concessionarie associate a Fise Acap e collocate principalmente nel Nord Ovest”.

“Per lo sciopero - spiegano infine Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl Viabilità e Logistica - dalle 10 alle 14, dalle 18 alle 22 di domenica 13 e dalle 22 di domenica alle 2 di lunedì 14 si fermerà il personale turnista, sottoposto alla 146, addetto agli impianti, alla sala radio e gli ausiliari alla viabilità, garantendo i servizi minimi. Il resto del personale, compreso quello addetto ai caselli, si fermerà fino a 8 ore secondo modalità stabilite a livello territoriale e interesserà la quasi totalità dei lavoratori aderenti alle concessionarie associate a Fise Acap mentre per 4 ore si fermerà il personale delle concessionarie aderenti a Federreti, compreso quello di Autostrade per l’Italia”.