CORTORILLO: ALITALIA, ABBIAMO TRATTATO SOTTO MINACCIA FALLIMENTO

Roma 25 Aprile 2017, "Oggi il tema è come provare a salvare una compagnia aerea dove ci sono 12 mila persone ma anche molte migliaia negli aeroporti che lavorano per Alitalia". Così il segretario nazionale della Filt CGIL Nino Cortorillo il giorno dopo il No al referendum da parte dei lavoratori di Alitalia aggiungendo che "noi siamo arrivati alla fine ed ora tutti, sindacati, azionisti, lavoratori, governo devono capire se ci sono strade da intraprendere ed impedire che l'aereo di Alitalia viaggi ma sia senza pilota e non si sappia quale sia il destino". 

"Per noi - prosegue il dirigente nazionale della Filt CGIL - fare una trattativa, subordinata al fatto che l'azienda, senza un accordo sindacale, fallisse, è stata la peggiore situazione in cui un sindacato si potesse trovare. Rimango convinto - sostiene Cortorillo - che con l'accordo del 14 aprile scorso, anche se era un accordo brutto, abbiamo fatto bene e, in una scelta di democrazia, abbiamo consegnato ai lavoratori la decisione finale. Senza quell'accordo il cda di Alitalia si sarebbe riunito e avrebbe preso le decisioni che prenderà nei prossimi giorni. 

Penso - sostiene infine il segretario nazionale della Filt - che, mantenendo in vita un'azienda, si può migliorare quello che non va bene ma se l'azienda muore, il tema di Alitalia sarà solo oggetto di dibattito". 

(ANSA).
Categoria: